AIDS - 22 Conferenza Internazionale ad Amsterdam
AIDS - 22 Conferenza Internazionale ad Amsterdam
AIDS - 22 Conferenza Internazionale ad Amsterdam

AIDS 2018 - AMSTERDAM

Più di 15.000 persone sono riunite ad Amsterdam dal 23 al 27 luglio per la 22ª Conferenza internazionale sull'AIDS (AIDS 2018), in cui i leader di molte nazioni si sono concentrati sui nuovi importanti investimenti, sulle politiche basate sulla scienza e sulla volontà politica necessaria per rimettere in sesto la risposta dell'HIV.

La conferenza presenta le ultime novità della scienza sul trattamento, la cura, la prevenzione e le nuove strategie sul campo per affrontare le disuguaglianze nelle politiche e nei programmi sull'HIV. Quasi 3.000 abstract saranno presentati da oltre 100 paesi nei cinque giorni dei lavori.

“Oggi Amsterdam rappresenta una corsia preferenziale, che accelera vigorosamente gli sforzi per raggiungere l'obiettivo globale di porre fine all'Aids entro il 2030”, ha affermato Peter Reiss, presidente locale dell'AIDS 2018 e professore di medicina presso i centri medici dell'Università di Amsterdam, Università di Amsterdam. “Dal momento del picco della sua epidemia, i Paesi Bassi hanno affrontato la sfida dell'HIV e dell'AIDS a testa alta, abbracciando prove scientifiche e lavorando con popolazioni che altri paesi emarginati e stigmatizzati”.

Globalmente 21,7 milioni di persone sono in trattamento. Tuttavia, il rapporto della Commissione IAS-Lancet, appena diffuso, ha dichiarato che l'epidemia di HIV non è sul punto di concludersi entro il 2030. Ha anche dimostrato che l'integrazione in diversi contesti epidemici è altamente redditizia e offre risultati "win-win", migliorando l'HIV e producendo risultati sanitari correlati e non correlati all'HIV.

“Nessuno dovrebbe restare senza cure o morire per l'HIV per la mancanza di accesso all'assistenza sanitaria di base", ha detto Tedros Adhanom Ghebreyesus , direttore generale dell'Organizzazione mondiale della sanità. "La prevenzione e l'assistenza all'HIV devono essere parte della lotta per la copertura della salute universale. Ciò significa riconoscere la copertura sanitaria universale come un diritto per tutte le persone, non importa quanto marginali”.

La Conferenza internazionale sull'AIDS è la più grande riunione sull'HIV e l'AIDS nel mondo. La prima volta fu convocata durante il picco dell'epidemia di AIDS nel 1985 e oggi continua a fornire un forum unico per l'unione tra scienza, difesa e diritti umani.

Ogni conferenza è un'opportunità per rafforzare politiche e programmi che garantiscano una risposta basata sull'evidenza dell'epidemia. La conferenza serve anche come punto focale per intensificare gli impegni politici e finanziari nei confronti dell'AIDS.

Il tema specifico della 22ª Conferenza internazionale sull'AIDS (AIDS 2018) è Breaking Barriers Building Bridges.

L'HIV/AIDS rimane una delle più importanti sfide per la salute pubblica nel mondo, in particolare nei paesi a basso e medio reddito.

L'INTERVENTO DEL DG DELL'OMS - TEDROS ADHANO GHEBREYESUS

"Come saprete questo è un anno fondamentale per l'Oms. È il nostro 70esimo compleanno. L'Oms è stata fondata nel 1948 sulla convinzione che la salute è un diritto umano per tutti, non un privilegio per pochi.

Oggi, questa convinzione rimane centrale per tutto ciò che facciamo.  E rimane centrale nella lotta contro l'HIV.

Dall'inizio del secolo, abbiamo fatto incredibili progressi. Insieme, abbiamo invertito la tendenza sull'HIV. Abbiamo trasformato una condanna a morte in una malattia trattabile. Milioni di persone sono in cura. Ancora meglio, milioni di persone non sono in trattamento perché abbiamo dato loro gli strumenti per proteggersi. Abbiamo accelerato la ricerca e lo sviluppo. Abbiamo respinto i confini della scienza e ora siamo alla ricerca di una cura. Abbiamo difeso i diritti dei più emarginati e vulnerabili.

Ma non abbiamo finito. I guadagni che abbiamo realizzato sono minacciati da un impegno politico vacillante e da finanziamenti in declino.

A maggio di quest'anno, l'Assemblea mondiale della sanità ha approvato una nuova strategia quinquennale per l'Oms, per sostenere i paesi nella realizzazione degli obiettivi di sviluppo sostenibile.

Al centro di ciò che chiamiamo il "triplo miliardo" di obiettivi per il 2023:

- 1 miliardo di persone in più che beneficiano di copertura sanitaria universale;

- 1 miliardo di persone in più sono meglio tutelate dalle emergenze sanitarie;

- 1 miliardo di persone in più godono di una salute e di un benessere migliori.

Stiamo trasformando l'Oms  in un'organizzazione che è in grado di raggiungere questi obiettivi laddove è più importante, non a Ginevra, ma nei paesi.

E in tutto il mondo, stiamo lavorando con i paesi per rafforzare i loro sistemi sanitari e aiutarli a progredire verso una copertura sanitaria universale, in modo che tutti possano accedere ai servizi di cui hanno bisogno, senza affrontare difficoltà finanziarie.

Ma la realtà è che oltre la metà della popolazione mondiale non ha accesso ai servizi sanitari essenziali, tra cui vaccinazioni, trattamenti per l'HIV, epatite e tubercolosi, servizi di pianificazione familiare e la possibilità di vedere un operatore sanitario.

E ogni anno, quasi 100 milioni di persone sono spinte verso la povertà estrema dai costi per pagare le cure di tasca propria. Questo deve finire.

Nessuno dovrebbe ammalarsi e morire solo perché è povero o emarginato.

Quando Dorothy Onyango (fondatrice e direttrice esecutiva di Women Fighting AIDS in Kenya (WOFAK), un'organizzazione della società civile fondata nel 1994) ha detto che solo tre delle 24 donne su cui si è tentato di agire sono sopravvissute, dietro di loro c'è la povertà che le ha uccise, la mancanza di equità che le ha uccise, la mancanza di solidarietà che le ha uccise. Siamo arrivati tardi per salvarle.

Molti di coloro che vengono lasciati indietro sono quelli più colpiti dall'HIV, comprese le persone che fanno uso di droghe, persone transgender, prostitute, uomini che fanno sesso con uomini e prigionieri.

La nostra crescente attenzione per la copertura sanitaria universale non dovrebbe essere vista come una minaccia per programmi specifici della malattia, come l'HIV. Affatto.

In effetti, è un'opportunità per accelerare i nostri sforzi per eliminare l'AIDS e amplificare l'impatto degli investimenti sull'HIV.

Perché non abbiamo davvero aiutato un bambino se lo trattiamo per l'HIV, ma non lo vacciniamo contro il morbillo.

Non abbiamo veramente aiutato un omosessuale se gli abbiamo dato il PrEP ma non abbiamo trattato la sua depressione.

Non abbiamo davvero aiutato una lavoratrice del sesso se le abbiamo fornito lo screening per la STI, ma non lo screening per il cancro.

Non abbiamo veramente aiutato una comunità se gli abbiamo dato i preservativi, ma non li aiutiamo a smettere i comportamenti a rischio.

Copertura sanitaria universale significa che tutte le persone hanno accesso a tutti i servizi di cui hanno bisogno, per tutte le malattie e le condizioni.

Ho partecipato a molti di questi incontri in cui è stato dimostrato cosa è possibile fare quando energia, passione e risorse vengono mobilitate per affrontare una malattia devastante.

Vi invito ora a sfruttare la stessa energia, passione e le stesse risorse per ottenere una copertura sanitaria universale.

È così che sconfiggeremo l'AIDS e costruiremo un mondo più sano, più sicuro, più giusto per tutti, ovunque".

PER INFORMAZIONI E PER SEGURE AL DIRETTA E I MOMENTI SALIENTI DELLA CONFERENZA VISITARE IL SITO: WWW.AIDS2018.ORG

 

;